L’insegnante con Clips!

Alberto Pian

Per sperimentare con Clips l’insegnante deve avere un iPhone o un iPad, cioè un dispositivo Apple iOS. Come? Non sapete che cos’è Clips? Non sapete neanche perché lo dovreste portare appresso? Ah! se le cose stanno così allora… vi occorre qualche spiegazione. Ma ve lo diciamo subito: non partire senza Clips. Che siate insegnanti di fisica al liceo, o di sostegno, o elementari o di qualsiasi altra disciplina, ambito e funzione… fate attenzione, perché insegnare senza Clips rovinerà completamente il vostro lavoro!


Clips

Prendete il vostro dispositivo, avviate Clips e tenete premuto il pulsante rosso. Registrate subito un video eccezionale, anche in risoluzione 4K! State registrando il filmato? Benissimo, allora, mentre registrato, pizzicate e trascinate l’immagine inquadrata e avete un perfetto film fra le mani.

Ricordate: registrare – pizzicare. È tutto. Potreste partire senza qualcosa da registrare e da pizzicare? Io dico di no. E sapete perché? Ve lo spiego dopo. Prima dovete sapere anche un paio di altre cosette.

Stai registrando il filmato? Allora parla mentre registri così la tua voce viene trasformata in testo, titoli e didascalie, che tutti potranno leggere! Questa funzione si chiama “Titoli live” e se per caso ci sono errori di “traduzione”, basta fare un tap sul testo e correggere la scritta. Puoi anche scegliere diversi stili.

Adesso puoi trasformare il tuo filmato. Perché non lo fai diventare un cartone animato, un “Comics”? Scegli fra gli stili a disposizione e fai quello che vuoi, vestilo con l’atmosfera che preferisci! Inserisci degli adesivi e delle scritte a effetto, aggiungi una delle musiche fornite gratuitamente nella libreria.

E adesso spediscilo. A chi? Alle facce che compaiono nel tuo filmato. Clips le riconosce e ti suggerisce a chi inviare il filmato con Messaggi. E poi mostralo attraverso i social.

Registrare, pizzicare, parlare, vestire e condividere. Un bell’esercizio di narrazione istantanea: Instant Storytelling.

 

A che cosa serve l’Instant Storytelling?

L’Instant Storytelling consiste nella rapida creazione, senza alcuna costruzione, sceneggiatura e programmazione, di storie filmiche con gli strumenti, potenti e veloci, che avete a disposizione. È lo storytelling “qui e ora”, concepito, prodotto, messo a punto e distribuito. Così: istantaneamente. È ovvio che Clips è stato creato per agevolare la pubblicazioni di contenuti video istantanei nei social. Ma a noi interessa sul piano didattico. Ecco che cosa possiamo fare con l’Instant Storytelling di Clips.

10 modi per usare Clips in classe

Split Screen. Il filmato ha un aspetto quadrato, quindi se registrate due filmati li potete poi montare con iMovie e altre applicazioni, in uno Split Screen. Potete mostrare due punti di vista di uno stesso ambiente, due lati di un oggetto, due modi per svolgere la stessa procedura. Potete mostrare un dettaglio e la spiegazione realizzata con Clips. Ovviamente dovete fare attenzione, in sede di registrazione, a un eventuale parlato.

Raccontate una storia a fumetti. Non registrate un video, ma componete il fumetto solo con immagini fisse. Per fare questo pensate alla storia da raccontare, quindi scattate le foto che vi servono per raccontarla, per esempio le persone (che potete mettere in posa), gli ambienti e oggetti. Importate le immagini in Clips e registrate la voce, oppure conservate solo le scritte, inserite gli adesivi e il gioco è fatto.

Around me. Potete raccontare di reperti archeologici, chiese, affreschi, personaggi che intervistate brevemente, fiori e piante, minerali, ambienti naturali, produzione artigianale, cultura locale… qualsiasi elemento didattico presente nelle vostre vacanze può essere raccontato con voce e scritte e, se utile, con qualche effetto speciale. Questi brevi video possono poi essere impiegati in svariati modi in classe ed essere oggetto di ispirazione per i vostri allievi.

Giochi. Usate Clips per creare giochi, indovinelli, compitini simpatici: inquadrate, spiegate, chiedete delle risposte e assegnate piccoli e divertenti compiti ai vostri allievi, a distanza, condividendoli nei social che avete in comune. E invitateli a fare altrettanto!

Risposte istantanee. Usate Clips per chiedere ai vostri studenti di mandarvi dei feedback rapidi, ma simpatici e accattivanti, dei contenuti che avete appena affrontato nella giornata.

Clips per podcast. Tanti Clips possono essere tanti episodi di un podcast che si occupa di contenuti didattici. In questo caso sarà un video podcast che potete pubblicare in iTunes per avere un canale a disposizione di “pillole” di contenuti create dagli stessi studenti.

Recensioni. Recensite i piatti che consumate, i locali, gli alberghi, le feste, le sagre e gli spettacoli. Ma come, direte voi, noi insegnanti dobbiamo occuparci di questi divertissements? Che cosa c’è di didattico in questo? Calma e gesso! Proprio voi che siete insegnanti, dovreste dare l’esempio. Perciò createvi un piccolo format narrativo, preciso, corretto da un punto di vista comunicativo e linguistico (e anche ortografico, già che ci siamo), registrate due o tre esempi ben fatti e inviateli come modelli, fonti di ispirazione per i vostri studenti che, in genere, recensiscono, giudicano, pubblicano le proprie video -considerazioni nei social e vanno ghiotti di quelle altrui!

Immagini, disegni, foto, opere d’arte. Abbiamo elencato una serie ci “cose” che non parlano, non dicono nulla. Spesso se non sappiamo di che cosa si tratta, non le riusciamo a comprendere. Fotografia: una nave in mezzo al mare. Comprensione = zero. In realtà è una nave da carico che porta alimenti alle popolazioni che scappano da scenari di guerra. E le installazioni artistiche? Senza spiegazione non possiamo decifrare l’opera. ma a scuola ci sono insegnanti di Storia e di Arte, di biologia (disegni e grafiche di ogni genere) e tutte le discipline: possiamo mettere insieme una vera e propria video enciclopedia o, più semplicemente, commentare le immagini con cui abbiamo a che fare.

Tutorial. Questa mania di tutorial che è esplosa ovunque ha contagiato anche la vostra classe? Se avete Clips sull’iPhone e un computer accesso potete inquadrare le applicazioni e commentarle, oppure commentare gli screen shot. Ma attenzione: nel primo caso avete bisogno di un cavalletto, altrimenti a chi vedrà il filmato verrà il mal di mare… E non dimenticate gli stickers di Clips: ideali per un tutorial!

eBook. Avete l’abitudine di impiegare in classe fantastici prodotti come Pubcoder, Book Creator, iBooks Authors? Le narrazioni istantanee di Clips possono essere perfette per i vostri eBooks multimediali e interattivi. Riprendete i temi di una didattica in Real Word, che ricava documentazione visuale che voi stessi producete e… che possono produrre i vostri allievi.

A proposito: tutto quello che ho scritto non vi vede molto convinti perché… non volete darvi un po’ da fare in vacanza? Vi capisco benissimo! E allora assegnate dei compiti, questi compiti, ai vostri studenti che, sicuramente, avranno già provato e apprezzato Clips!

Per ridere e… per imparare

 


PS: se premete il pulsante di registrazione  e lo spostate verso sinistra, continuerete a riprendere senza dover tenere premuto il pulsante, liberando una mano per svolgere contemporaneamente altre funzioni.

Comments are closed here.