Challenge to Change after day: parlano i musicisti!

Fabio Morsiani & Saverio Lacerenza
“Con iTunes Store si possono pubblicare brani e interi album anche senza avere un’etichetta discografica.” (Fabio Morsiani, Vertical Lines). “Siamo una reazione a questo fenomeno di appiattimento delle attitudini creative nei giovani a cui la scuola contribuisce” (Saverio Lacerenza, Purple Buddha Cash).

 Verticale Lines

iTunes, Victory – EP di Vertical Lines https://itun.es/it/3RhJ6
Link Video Challenge con Find me in the Rain: https://www.facebook.com/verticallinesband/videos/1517651018533052/
Pagina FB: Facebook.com/verticallinesband

image1
Fabio: chitarra principale, Alessandro: voce e chitarra ritmica, Mattia: basso, Matteo: batteria

Purple Buddha Cash

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Purple-Buddha-Cash-618184308215593/?pnref=lhc
Canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCus_2DcBB5_q0FMQFGWdL4A/feed?app=desktop
Profilo Spotify: https://open.spotify.com/artist/3L0Rb0sej72kF3CwZ082jQ
Profilo Twitter: https://twitter.com/PurpleBuddhaC/media
email: purplebuddhacash525@gmail.com

_DSC7737

Franz: voce, Nick: basso e voce, Saverio: chitarre, Stano: chitarre, Gigi: batteria

INTERVISTE


 VERTICAL LINES

Intervista a Fabio Morsiani
 Distinguished Educator, Mail: morsiani.fabio@me.com

Tu sei un musicista, insegnante e un Apple Distinguished Educator, nel vostro percorso hanno influito molto le tecnologie.

Si, perchè grazie alle applicazioni e ai servizi Apple siamo riusciti a far partire un progetto che avevamo in testa da tempo. Senza l’aiuto dei software che Apple mette a disposizione, non saremmo mai riusciti a cominciare a creare in maniera semplice ed efficace tutti i nostri pezzi. Abbiamo cominciato con GarageBand su un iPad, per poi passare alla versione Mac ed infine fare il grande passo con Logic Pro X. Abbiamo partecipato al Challenge proprio per mostrare a tutti quanto sia semplice cominciare a scrivere musica e quanto la creatività possa sbocciare e portare a risultati inaspettati se si utilizzano gli strumenti giusti. Non voglio dire che un professionista non debba conoscere la musica, ovviamente, ma che si aprono delle strade  fino a poco tempo fimpensabili per la creatività in campo musicale.
Quindi oggigiorno un giovane potrebbe pubblicare su iTunes e altri digital media le sue opere musicali?
Decisamente. Con iTunes Store si possono pubblicare brani e interi album anche senza avere un’etichetta discografica. L’iTunes Store è inoltre aperto in quasi tutto il mondo e il pubblico che si può potenzialmente raggiungere senza dover ricorrere a troppa pubblicità è davvero elevato. 
 La creazione di musica è stata semplificata dalle tecnologie Apple?
Assolutamente sì. Oramai è impensabile tornare ai nastri a 8 tracce, o a strumenti di registrazione dove avevi una sola chance per registrare il pezzo senza commettere errori. Un errore e il nastro era da buttare. Ora con un semplice click puoi modificare, eliminare, tagliare e registrare nuovamente tutte le parti di una canzone. La musica è diventata a portata di tutti con applicazioni come GarageBand: ognuno di noi può creare musica in modo semplice e divertendosi.
I vostri progetti?
Stiamo lavorando a un nuovo album. Abbiamo composto ormai 50 pezzi, tutti di nostro pugno e non vediamo l’ora di farli ascoltare al maggior numero di persone possibile.
Il problema è che senza etichetta l’album te lo devi autofinanziare, ed è quello che stiamo facendo.
Come?
Beh, suonando in giro e con il contributo delle vendite del primo EP che abbiamo su iTunes, Apple Music, Spotify ecc. Supportateci!

PURPLE BUDDHA CASH

Intervista a Saverio Lacerenza

Che ne pensi del Challenge to Change?

Il  Challenge to Change si è rivelato indubbiamente un’iniziativa coraggiosa: proponendosi di sperimentare nuovi approcci alla didattica mediante l’uso delle nuove tecnologie e di un nuovo modo di relazionare studente e docente si è dimostrato una ventata d’aria fresca nel panorama italiano, ancora ostinatamente arenato nei metodi obsoleti che non hanno fatto che aumentare il divario tra il mondo dello studio e la realizzazione personale del singolo studente.

Spesso parli di reagire a fenoli di appiattimento…

I Purple Buddha Cash ospiti della tappa di Napoli del Challenge, non sono che una reazione a questo fenomeno di appiattimento delle attitudini creative nei giovani.
Cinque ragazzi appassionati di musica si sono ritagliati il proprio spazio, la propria “società segreta”, in cui dare libero sfogo alle proprie idee e ai propri sogni e ricercando un proprio personale approccio a un mondo altrettanto controverso come quello del mercato musicale, portando avanti la propria politica di composizione, produzione e diffusione dei loro lavori, sfruttando la Rete e i mezzi che essa mette a disposizione.

Avete fatto molto in poco tempo, la vostra creatività è prorompente!

In poco più di un anno di attività i Purple Buddha Cash hanno già all’attivo esibizioni su alcuni tra i più importanti palchi italiani come il Duel Beat o “La Casa della Musica” del Teatro Palapartenope.

Prossime tappe?

Attualmente il gruppo è nel pieno dell’attività promozionale del loro album d’esordio, “Pop Filtred”, pubblicato lo scorso Novembre, disponibile ai loro concerti e sul sito della 80055 Records (http://www.80055records.eu/ ),  anticipato da due singoli, “Pop Filtred” e “She’s Cherry”, disponibili su tutte le piattaforme di online di diffusione musicale (Youtube, iTunes, Spotify, Deezer, Google Play, ecc.).

Comments are closed here.