Gli “stili” dell’insegnante in vacanza. 30 applicazioni per il docente in stile “avventuroso estremo”.

Alberto Pian

Caro insegnante!

Non ci sono solo gli stili di apprendimento dei tuoi allievi, ci sei anche tu, con il tuo “stile”, giusto? Si, ma non parliamo di stili di insegnamento, ci mancherebbe altro, basta! Parliamo di stili da vacanza. Hai un tuo stile da vacanza? Ne sei consapevole? Per esempio sei stile “corpo e salute” e quindi te ne stai sul lettino ad arrostire prima dei soliti 30 Km di corsa veloce sulla spiaggia? Oppure sei piuttosto stile “avventure impossibili” e quindi stai preparando l’attrezzatura per scalare quota 6000? Ah! forse il tuo stile è “fashion & moda” e quindi ti butti dallo scoglio solo per mostrare il nuovo bikini e poi asciugarti con il nuovo telo disegnato da Mirò in persona? Ma no, sei sicuramente stile “intellettuale” e quindi, ovunque tu sia, cercherai la prima città fornita di una libreria!

Insomma, hai uno stile personale e questo è quello dell’avventuroso estremo, indomito per il quale il rischio è il suo mestiere.  Allora, ecco alcuni consigli per valorizzarlo con iPhone e iPad.

E gli altri stili? Nelle prossime puntate…


Sei un esploratore estremo?

Ti serviranno le applicazioni per sostenere la tua voglia di avventura. Ecco una lista che ti può essere utile. Ah, si spera che almeno le applicazioni più note per organizzare la tua spedizione, ti siano conosciute (hai presente: mappe di Apple e Google, applicazioni Google varie, TripAdvisor, app per acquistare biglietti di viaggio… ehm… ehm… come dire? l’ABC, insomma), perché qui non ne parliamo, ovviamente.

Prima di tutto ti serve una mappa che ti permetterà anche di soggiornare nei boschi e nei posti più impervi con molta  sicurezza Gaia GPS Classic. E, comunque, in iTunes, nella sezione Vita all’aria aperta, trovi alcune indicazioni di applicazioni utili per soddisfare le tue esigenze avventurose. La sezione si trova qui: Vita all’aria aperta

E dato che sei un grande camminatore (altrimenti che avventure pensi intraprendere senza i tuoi 30 Km quotidiani  a piedi nella giungla?), ecco che ti sarà utile un’applicazione che riporta oltre 50.000 percorsi di trakking in tutto il mondo con la possibilità di annotare e costruire il tuo itinerario. Ah, giusto, l’app si chiama AllTrails.

E un’altra applicazione di percorsi outdoor del globo, molto sofisticata e apprezzata è Wikiloc con le sue dettagliate mappe off line e la registrazione del percorso che state compiendo con le statistiche in tempo reale come velocità, distanza e profilo altimetrico, grafici, foto scattate e waypoint lungo il tragitto.

Ti servirà anche un’applicazione 3D semplice ma potente per visualizzare e tracciare il tuo percorso in bicicletta o a piedi e questa è Maps 3D – GPS for Bike, Hike, Ski & Outdoor che mostrerà valli, colline, montagne e sentieri in 3D con le precise altitudini.

E se vuoi contare i passi userai Pedometro, facile da usare e senza troppe complicazioni, per te che sei avventuroso si, ma mica un impallinato tecno – agonista di tutte le app per il fitness e le misurazioni più incredibili – che comunque puoi trovare qui.

Ah, giusto, prima di misurare i passi vorrai misurare le distanze e poi magari anche animali ed elementi della natura che improvvisamente si mostreranno al tuo orizzonte e tu, prima di dartela a gambe, di farti prendere dal panico, di rimanere paralizzato sul posto, farai mente locale e prenderai le dovute misure con EasyMeausure!

Comunque capisco che tu abbia fino a oggi usato il tuo iPhone solo per sentire se tua moglie o tuo marito sono passati a prendere il caffè che era finito e… incredibile ma vero, hai anche postato qualche faccina nella messaggeria! Che progressi ragazzi, dal gessetto alla faccina! Però il tuo dispositivo è più potente di così… per esempio contiene un mucchio di sensori che mandano dati scientifici ogni momento. Questi dati servono per svolgere un sacco di operazioni che ti potrebbero agevolare, fornire delle informazioni e anche salvarti la vita. Come potresti avere questi dati? Come li potresti visualizzare? Con Sensor Kinetics, anche questa è un’applicazione da avere sempre con sé e da portare in classe. Eventualmente potresti anche buttare l’occhio sulle applicazioni della Pasco.

E se vuoi programmare le tue avventure con strumenti più tradizionali, penso che con Triposo avrai solo l’imbarazzo della scelta, fra tutte queste applicazioni troverai quelle di tuo interesse?

Poi con Google Trip gestisci la tua avventura nei minimi dettagli, così tieni nota di tutti gli orari, biglietti, itinerari, mappe, appunti.

Infine prepara i bagagli per l’avventura, per te, per i tuoi famigliari, non dimenticare nulla con Packaging. Ordina tutti gli oggetti per liste e contenitori, tieni conto del loro peso, controlla quello che lasci fuori e che hai già inserito, aggiungi le note del viaggio e spedisci a tutti le loro liste in modo che nulla manchi per l’avventura!

Partirai per metterti alla prova e quindi anche per scambiare esperienze sugli sport estremi che desideri praticare, i luoghi, le osservazioni di altri avventurosi come te? Perfetto, con Adventure Addicted avrai tutto questo e, inoltre, è anche un’app tutta italiana.

Dovresti tenere conto, che… come dire? desidererai tornare a casa, finita la tua avventura, no? Dovrai pur rivedere allievi e famigliari e riprendere in mano la scala dei voti! Bene, allora vedi di sopravvivere e se non sai come fare, usa questa applicazione SAS survival guide e impari ad accendere un fuoco senza fiammiferi. Come? non ti serve accendere un fuoco? Allora impara a sopportare il caldo: di qualsiasi cosa tu abbia bisogno la tua necessità di sopravvivenza riceverà una risposta.

E va bene, non sai l’inglese! Vuoi un kit di sopravvivenza italiano? questo Kit di sopravvivenza è molto noto ed è ispirato ai manuali di addestramento dei corpi speciali. Se non riesci a cavartela neanche con questo… sei proprio un insegnante da… cattedra e gessetto!

Se vuoi davvero sopravvivere non potrai farti sotterrare da una eruzione vulcanica. Che ne dici di tenere sotto controllo la situazione con l’applicazione Vulcani: mappa, avvisi, terremoti & nubi di cenere?

… e già che ci sei, tieni d’occhio anche i terremoti con Terremoto+ Mappa, Notizie, Notifica & Info!

Chiudiamo con questo tema allarmista sulle possibili disgrazie sperando che tu ti possa rendere utile segnalando eventuali eventi pericolosi là dove ti trovi (non voglio aprire capitoli oscuri delle nostre vicende contemporaneee), e con MyAlert puoi riceverai e trasmetterai allarmi geolocalizzati. L’applicazione ideale per l’eroe che c’è in te, come in tuti gli insegnanti.

Che bello! Adesso sei nella Natura! Nelle tue esplorazioni osservi gli animali e vuoi contribuire al loro studio, protezione e salvaguardia? Ti senti un vero e proprio scienziato? iNaturalist è l’applicazione che fa per te! Infatti puoi registrare ciò che vedi in natura e incontrare altri naturalisti per condividere le tue osservazioni! Per esempio, potresti scoprire qualcuno che trova bellissimi fiori selvatici nei tuoi luoghi preferiti. Devi spere che gli scienziati utilizzano le tue osservazioni per monitorare i cambiamenti nella biodiversità.

Potresti svolgere un’attività di ricerca e di condivisione di dati sulle farfalle, attività caldamente promossa d alcuni enti di ricerca britannici che sostengono l’applicazione Batterflay iRecord.

Sarai anche avventuroso quanto ti pare, ma non sei certo un’enciclopedia. Quel fiore, quella pianta, ti sono totalmente sconosciuti. Non vorrai mica fare una figuraccia! in fondo, anche in tenda e sacco a pelo, sempre un insegnante sei! Allora scarica PlantNet, un’applicazione di riconoscimento fotografico delle piante sviluppata dalla fondazione per la ricerca scientifica Agropolis.

Vivere in mezzo alla natura è fantastico e forse hai bisogno di vere enciclopedie per identificare gli animali che incontri. Guarda fra le applicazioni di Reef Life, se trovi quelle che fanno al tuo caso.

Ma sei sempre un insegnante e quindi vuoi risposte super culturali e approfondite su ogni questione scientifica, senza bisogno di avere un sacco di link in seguito a una ricerca. No, tu vuoi risposte precise, chiare e immediate. Vuoi avere sottomano tutti i possibili dati scientifici di geolocalizzazone  e lo puoi benissimo fare con la migliore applicazione del mondo per questo tipo di cose: Wolfram Alpha. Il mio è un consiglio spassionato: utilizza a fondo questa applicazione e portala in classe per impiegarla con i tuoi allievi!

Comunque, che te lo dico a fare? Insegnante sei, insegnante sarai e resterai per sempre. Perciò devi cercare di alimentare la tua cultura o Kultura, secondo i casi. Ogni luogo ha storie che devono essere ascoltate e raccontate, legate a grandi autori della letteratura. Con CityTeller leggi le storie letterarie di ogni luogo e puoi inserire, a tua volta quelle che conosci e vedrai che ogni luogo si ammanta di un’aura incredibile di storytelling.

Se invece vuoi approfondimenti enciclopedici che saltano agli occhi in realtà aumentata, semplicemente inquadrando l’ambiente in cui ti trovi con il tuo iPad, usa Wikitude che ti porta subito alle informazioni culturali ed enciclopediche di wikipedia e di altre banche dati sociali.

Da buon esploratore estremo vivi all’aperto. Anche se sarai costretto, naturalmente contro la tua volontà), a fare tappa in albergo, dove preferirai dormire sul balcone o nel corridoio. Ecco, alla fine dormi in corridoio per non imborghesire le tue ossa su uno stupidissimo materasso! Per quanta immaginazione tu abbia non vedrai mai le stelle come quando ti coricavi nel mezzo di quell’altopiano peruviano…. Ma no, che dico? Punta il tuo iPad sul soffitto e “osserva” le costellazioni con Solar Walk Ads+, e Soalr Walk 2 Ads+ anche di giorno. Queste applicazioni contengono anche filmati informativi sulle missioni spaziali e sull’universo e anche rappresentazioni 3D (Solar Walk).  E quando finalmente ti ritroverai sul bordo di un crepaccio, gioca a osservare e scoprire il cielo stellato. Un consiglio:t ieni d’occhio le applicazioni di questo sviluppatore!

Ovunque tu vada ti dovrai nutrire, credo. Allora quali sono le ricette dei luoghi in cui ti trovi? Le conosci? Le vuoi creare tu stesso? Certo, altrimenti che esploratore estremo saresti? Allora BigOven è la tua applicazione. Inoltre puoi usare questa applicazione anche per creare un tuo personale elenco, creare menu periodici e liste della spesa per un’avventura perfettamente programmata!

Ahhhhh ecco, finalmente ti sei perso! Diciamo che non ti sei perso  fra i ghiacci come Shackleton, ma in un luogo relativamente abitato. Nessun problema, avvia AroundMe e cerca una farmacia, un taxi (non necessariamente a motore…), un posto di polizia, oppure un cinema se ti vuoi togliere dallo stress dell’avventura!

Ti sei ritrovato e vuoi continuare l’avventura, caro insegnante. Ma, dico io, perché non unire l’utile al dilettevole e… portare a casa… un po’ di oro, diamanti e platino, tante per dirne una? Non è mica difficile, scarica l’applicazione Where to Find Gold, Silver, Platinum and Gems e il tuo unico problema sarà come portare 2 quintali di oro nella stiva del tuo volo, dato che hai il biglietto solo per un bagaglio di 15 kg. Che sfortuna!

Scusami, ma forse vorresti mandare una bella cartolina a casa o a scuola per alimentare un po’ di invidia! E mica la vorresti cercare in qualche tabaccaio della Rift Valley, questa cartolina? Avrei, spero, portato, qualche attrezzatura cine – fotografica con te e vorrai spedire una cartolina composta da una tua foto. Ma nooooo, non parlo di messaggi, di mail, di uozap, di feisbuk, ecc. parlo proprio di una cartolina stampata, imbustata e spedita con la posta tradizionale. Impossibile? Certo che no, usa TouchNote, acquisti un credito con ApplePay, scegli la foto, scrivi indirizzo e messaggio e una vera cartolina fisica arriverà a destinazione in qualsiasi parte del mondo. Ah, si be’ almeno una piccola connessione Internet per un paio di minuti occorre, ma appena trovi un Mac Donalds, li a destra verso il Tibet, sei a posto!

Va be’ non c’è il Mac Donalds, allora usa WIFI Finder per trovare reti gratuite per inviare cartoline e foto all’altro emisfero.

A un certo punto sarai anche a corto di idee. Vorrai ispirare la continuazione della tua avventura! Allora hai a disposizione Netflix. Qui non puoi perdere la serie di documentari naturalistici creati da grandi fotografi in “Racconti di luce“, così potrai anche tu sapere come si accarezza uno squalo, o come si parla alle ceneri di un defunto, caso mai ti capitasse una di queste frequenti esperienze da esploratore estremo.

Ok, sei un esploratore estremo, ma non estremista. Cioè un esploratore che non risecherebbe di trovarsi in mezzo a un deserto neanche con un TIR di acqua al rimorchio. In pratica sei come quegli “sportivi” che non muovono un’articolazione, ma seguono tutte le Olimpiadi, senza perdere nulla, dalla propria TV 4K a miliardi di colori? Sai che cosa ti dico? Non perdeterti le applicazioni del National Geographic e torna a giocare anche con il buon vecchio mappamondo.

Così te ne stai tranquillamente a casa, risparmi anche e salvi pure la pelle!

(e puoi sempre giocare con le applicazioni che ti ho appena suggerito).

Buona vacanza, insegnante in stile “avventuroso estremo”!

Comments are closed here.